La Rieducazione Posturale Globale per atleti e sportivi

Grazie alla sua capacità di agire sulle tensioni e rilassare le catene muscolari contratte e irrigidite, la Rieducazione Posturale Globale è particolarmente efficace nel trattamento dei disturbi e delle patologie che colpiscono gli sportivi.

In tanti anni di pratica del pattinaggio artistico a rotelle a livello agonistico ho fatto i conti con fastidiosi dolori e contratture di ogni genere, avvicinandomi alla RPG ho ottenuto benefici notevoli e sono guarita da una lombalgia che non ero riuscita a placare con nessun altro tipo di terapia.

Per questo oggi eseguo trattamenti RPG ad atleti e sportivi di ogni livello, per curare patologie o disturbi specifici o in funzione di prevenzione degli infortuni.

Lo Stretching Globale Attivo per lo sport

Lo Stretching Globale Attivo è stato introdotto dal Prof. Philippe Souchard e deriva direttamente dalla metodologia della Rieducazione Posturale Globale. A differenza dello stretching tradizionale, prevede l’allungamento dolce e progressivo non del singolo muscolo, ma di diverse catene muscolari contemporaneamente. 

Lo Stretching Globale Attivo contribuisce all’allungamento globale delle catene miofasciali, ottenuto attraverso contrazioni isometriche eccentriche eseguite dal paziente. Le sedute prevedono l’esecuzione di determinate posizioni, definite “posture”, da mantenere per alcuni minuti allo scopo di elasticizzare le catene muscolari ipoestensibili o retratte.

Grazie a queste caratteristiche, lo SGA è una tecnica utile per atleti e sportivi: permette di migliorare il livello di scioltezza, di recuperare meglio dopo la performance e di prevenire gli infortuni.

A cosa serve lo Stretching Globale Attivo?

– per ottenere o recuperare una buona mobilità articolare

 – per recuperare dopo una prestazione

– per prepararsi ad una prestazione (riscaldamento)

– per prevenire gli infortuni

– per recuperare dagli infortuni

– per rilassarsi

Programmi di preparazione atletica per il pattinaggio artistico a rotelle

Il pattinaggio artistico a rotelle è la mia grande passione, ho messo i pattini per la prima volta quando avevo 4 anni e ho abbandonato le gare all’età di 27. Ho cominciato presto ad affiancare l’attività agonistica a quella di istruttrice e dal 2010 sono allenatrice di 3º livello FISR.

Da quando mi sono approcciata al mondo della fisioterapia mi dedico soprattutto della preparazione atletica degli atleti impegnati nelle competizioni, con lo studio di programmi personalizzati volti al miglioramento delle prestazioni e alla prevenzione degli infortuni.

La preparazione atletica nel pattinaggio si concentra soprattutto sullo sviluppo delle capacità condizionali e coordinative, in particolare delle forme utili all’esecuzione di gesti tecnici specifici. La componente di equilibrio e di conoscenza e percezione del proprio corpo rispetto all’ambiente risulta di fondamentale importanza per il mantenimento della corretta postura.

Soffri di uno di questi disturbi?

Contattami per prenotare una visita